#iubenda-cs-banner { bottom: 0px !important; left: 0px !important; position: fixed !important; width: 100% !important; z-index: 99999998 !important; background-color: black; } .iubenda-cs-content { display: block; margin: 0 auto; padding: 20px; width: auto; font-family: Helvetica,Arial,FreeSans,sans-serif; font-size: 14px; background: #000; color: #fff;} .iubenda-cs-rationale { max-width: 900px; position: relative; margin: 0 auto; } .iubenda-banner-content > p { font-family: Helvetica,Arial,FreeSans,sans-serif; line-height: 1.5; } .iubenda-cs-close-btn { margin:0; color: #fff; text-decoration: none; font-size: 14px; position: absolute; top: 0; right: 0; border: none; } .iubenda-cs-cookie-policy-lnk { text-decoration: underline; color: #fff; font-size: 14px; font-weight: 900; }

I concetti più importanti di management e di leadership. Prenderne consapevolezza per integrarli nel proprio modo comportamentale abituale… 7 vizi capitali del manager che possono facilmente essere trasformati in virtù!

Obiettivi del corso

Pochi ma ripetuti errori possono creare danni enormi. Scopri come riconoscere alcuni di quelli più frequenti per trasformarli in punti di forza. 7 vizi capitali che possono diventare virtù.

Scopri come coinvolgere, motivare, istruire e far crescere i tuoi collaboratori ed ottenere il massimo da loro. Migliorerai la performance sui progetti di cui hai responsabilità.

  • La pratica costante crea delle abitudini.
  • La pratica costante di comportamenti corretti crea le abitudini virtuose.
  • La pratica costante di cattivi comportamenti crea le abitudini viziose.

Prossima edizione interaziendale 11-12 giugno

PROGRAMMA

Ecco i 7 vizi del manager più frequenti e pericolosi, e come trasformarli in virtù.

1.Evita – o non gestisce efficacemente – i colloqui difficili:

  • Regole per una comunicazione interpersonale efficace
  • Come entrare in sintonia con il proprio interlocutore per facilitare il dialogo
  • Come saper cogliere i Segnali Deboli del proprio interlocutore
  • Gestione della rabbia
  • L’agguato dell’autoinganno: credersi ciò che si vorrebbe essere e non ciò che si è

2. Non dà feed-back ai propri collaboratori o, se dà feed-back, si ricorda di loro solo per rimproverarli per i loro cattivi comportamenti:

  • Regole per un buon feed-back: valutare i comportamenti e non la persona
  • Differenza tra critica costruttiva e criticismo distruttivo
  • Valutare sia il “cosa si fa” (aspetti tecnici) ma anche il “come si fanno le cose” (aspetti relazionali)
  • Relazione tra dare feed-back e ottenere motivazione dei collaboratori
  • Importanza della “pacca sulla spalla”

3. Dà obiettivi poco personalizzati, vaghi o troppo ambiziosi:

  • Caratteristiche del buon obiettivo
  • Necessità di ruoli e obiettivi aziendali ben definiti (chi fa cosa e perché)
  • Differenze tra obiettivi tattici e strategici
  • Importanza di comunicare ai collaboratori anche gli obiettivi aziendali, sia tattici, ma anche, ove possibile, strategici e condividere la vision aziendale

4. Non delega abbastanza o usa la delega soltanto come scaricabarile:

  • Autovalutazione delle proprie capacità di delega
  • Perché delegare, perché non delegare
  • Il mito del Manager Eroe: faccio tutto meglio di ogni mio collaboratore
  • Regole per una buona delega

5. Non distingue tra contrasti e conflitti all’interno dell’azienda:

  • Similitudini e differenze tra contrasti e conflitti
  • Influenza del carattere: da remissività a aggressività
  • Determinazione del proprio stile nella gestione dei conflitti
  • Regole per la buona gestione di contrasti e conflitti

6. Usa prevalentemente la modalità dire (Manager Problem Solver), invece della modalità chiedere (Manager Coach):

  • Utilità del modo chiedere: chi domanda comanda!
  • Utilità dell’ascolto attivo dei propri collaboratori, delle loro idee e delle loro esigenze
  • Relazione tra osservazione e ascolto dei collaboratori e loro motivazione
  • Relazione tra obiettivi personali e obiettivi professionali per l’efficacia del lavoro da svolgere
  • Usare sia l’intelligenza razionale che l’intelligenza emotiva nella gestione dei collaboratori

7. Gestisce male il suo tempo: opera costantemente in affanno, lavorando solo sulle urgenze e trascurando gli aspetti strategici del suo lavoro:

  • Differenza tra compiti importanti e compiti urgenti
  • Importanza della pianificazione e metodi di pianificazione
  • Individuazione dei propri ladri del tempo
  • Saper dire di No
  • Elementi per la gestione dello stress
Z

A chi si rivolge il corso?

Dirigenti, quadri, project maager, supervisor, responsabili di team di lavoro…

U

Struttura del corso

Il corso ha una durata di 2 giorni (9.00 – 18.00) e un taglio molto interattivo. Gli esercizi studiati ad hoc favoriscono sia la condivisione degli obiettivi che l’apprendimento e la memorizzazione dei metodi e delle tecniche suggerite.

U

Potrebbero interessarvi anche

Potrebbero interessarvi anche altri seminari svolti con lo stesso approccio, svolti dallo stesso docente – chiedeteci programmi e date:

Cliccate sul titolo per vedere i programmi dettagliati e le prossime edizioni interaziendali.

 

Dove e quando

La prossima edizione interaziendale si svolge a Verona, 11-12 giugno 2018

Quota di partecipazione

  • Euro 880,- comprensivo di light lunch e coffee break
  • Sconto 140 Euro  per adesione entro il 14 maggio
  • Ulteriore sconto 10%  per adesioni multiple
    .

 

Se siete interessati a dei corsi aziendali su questo tema oppure su altri argomenti (p.es. vendita, gestione venditori, customer care, team building, leadership, time management) inviateci i vostri riferimenti, vi contatteremo. info@helmutrauch.it

dr. Giorgio Carnesecchi

dr. Giorgio Carnesecchi

Formatore e coach

Laureato in Fisica, è l’uomo della “sintesi delle due culture”: tecnico scientifica in ambiente accademico e di ricerca e marketing-vendite in contesto aziendale. Esperienze di vendite complesse in settori di altissima tecnologia, training manager e in seguito direttore europeo di marketing communication presso una nota industria informatica americana. Leadership Trainer area Europa e Middle East per alcuni grandi gruppi internazionali.

Prossima edizione interaziendale 11-12 giugno

Sei interessato a questo corso? Chiedici più informazioni!

7 + 3 =

Share This